Piè Veloce Lambicus – Brett Ale

pie_veloce_lamb_lungo

Piè Veloce è il nostro progetto brassicolo dedicato ai lieviti della specie Brettanomyces (definiti “selvaggi”) e si declina in due birre, entrambe della tipologia Brett Ale: questa, per cui abbiamo scelto il ceppo Lambicus, e sua sorella in cui utilizziamo il Bruxellensis.

L’epiteto di Achille, eroe celebre per la sua velocità nella corsa, simboleggia che all’interno dei cicli produttivi lenti che caratterizzano Cà del Brado, queste sono le nostre birre a più rapida maturazione. Nascono infatti per essere bevute fresche (quando l’esplosività aromatica è all’apice) o possono essere lasciate invecchiare, per scoprirne l’affascinante evoluzione nel tempo.

 

La vivacità dei lieviti selvaggi

Il mosto della Piè Veloce Lambicus è realizzato con un’importante percentuale di cereali succedanei (frumento e segale) e mediante una luppolatura oculata di stampo inglese (sia in amaro che in aroma). La fermentazione (effettuata fin dalla primaria con brettanomiceti Lambicus) e la maturazione (circa due mesi) avvengono direttamente in legno: prevalentemente all’interno di grandi botti (3.000 lt) che in passato ospitavano vino. Ne segue un successivo affinamento in bottiglia o in fusto per dare modo al Brett di continuare ad esprimersi.

L’utilizzo dello specifico ceppo di Brett Lambicus va a compenetrarsi con la luppolatura scelta conferendo toni fruttati di albicocca matura, agrumi e note terrose, assieme ad una delicata presenza acidula e alle intriganti componenti funky tipiche del brettanomyces (riconoscibili fin nella birra giovane, per poi rinvigorirsi con l’affinamento nel tempo).

Un’accentuata secchezza, la gradevole mineralità e un amaro delicato conferiscono alla birra una grande bevibilità.

“Sbaglia sia chi fa fretta all’ospite che non vuol partire, sia chi lo trattiene se ha fretta” – Omero

 

PREMI E RICONOSCIMENTI:

  • menzione a “Birra dell’Anno 2018” nella categoria 37: birre wild/sour