Û baccabianca – Italian Grape Ale

Il nome che abbiamo scelto per l’intero progetto che riguarda lo stile Italian Grape Ale è Û, ovvero uva in dialetto bolognese, e si divide in due birre ad edizione limitata: questa dove è stata utilizzata uva a bacca bianca e sua sorella Û baccarossa.

L’idea è stata fin da subito chiara: lavorare con vignaioli naturali di cui apprezzassimo la genuinità dei vini, che abbracciassero la filosofia dei lieviti indigeni (visceralmente legati ad una specifica uva e ad uno specifico luogo) e coltivassero vigneti storicamente radicati al territorio.

Info approfondite sulla nostra concezione e metodologia delle birre con utilizzo di uva (le wild IGA: Û) le trovate qui

 

Inserimento dell’uva Grechetto Gentile (destinata al Pignoletto) in barrique

Û baccabianca è una IGA con 10% di uva Grechetto Gentile destinata al Pignoletto del vignaiolo biodinamico Gradizzolo. Il mosto è stato sottoposto ad un ambiente fermentativo spontaneo proveniente dagli acini, oltre ad un inoculo di brettanomyces, per poi affinare per 6/7 mesi in botte con le bucce in macerazione.

Ne risulta una birra di colore ambrato, con aromi floreali, da frutta gialla matura ed eleganti note di ossidazione. Il corpo sinuoso è inspessito dai tannini e arrotondato dal legno, mentre la beva viene facilitata da un’accentuata secchezza.

Prodotto in evoluzione destinabile all’invecchiamento.

“Nondum matura est; nolo acerbam sumere” – Fedro (versione latina dalla favola: la Volpe e l’uva, originaria di Esopo)

Traduzione: “Non è ancora matura; non voglio coglierla acerba!”