Carteria N.3 – Sour Blend 2018/2019

Stile: Sour Ale
Alcool: 6.9% vol
Temp. servizio: 10°

 

Carteria N.3 in entrambi i formati

N.3 è la seconda birra del progetto Carteria: edizioni limitate che rappresentano percorsi particolarmente preziosi e peculiari della nostra bottaia.

Carteria N.3 esiste in due formati di bottiglie numerate: 150 magnum (1,5 lt) realizzati in esclusiva per i membri del ZIRQUAL Brado, il nostro membership program 2021/2022 (info approfondite cliccando sul link) e 520 bottiglie formato 37,5 cl disponibili solo per acquisti da noi in cantina.

Il progetto Carteria si muove in parallelo alla normale filosofia produttiva Ca’ del Brado. Si tratta infatti di birre che nascono in bottaia, attraverso gli assaggi dei tini; da qui la pinza con i rivetti che utilizziamo per sentire il grado di evoluzione delle varie botti, ognuna con una propria identità.
Blend o batch unici – a volte sperimentali -, da tini che dimostrano caratterizzazioni specifiche, che hanno intrapreso direzioni per noi affascinanti, o contenenti affinamenti molto prolungati, con tipicità di particolare valore (date dal tempo).

Altre info su nome e sul progetto Carteria in generale le trovate nella premessa di Carteria N.1 qui: http://www.cadelbrado.it/service/carteriaN1/

 

Logo del progetto Carteria

Carteria N.3 è frutto del blend di due barrique: una di due anni e una di un anno, contenenti rispettivamente una 100% brett bruxellensis e una wild saison.

Il lungo tempo in botte piccola ha donato profondità e sentori di legno percepibili. Tra le sensazioni aromatiche si alternano accenni di vaniglia, sensazioni fruttate (pesca noce, cedro), percezioni vinose da uva bianca e sfumature selvatiche (pellame e cantina). L’acidità composita si presenta in tutta la sua freschezza lattico/citrica fino a toccare sfumature acetiche che aggiungono complessità.

Carteria N.3 è una birra destinabile all’invecchiamento, ricca di sfumature e di grande evoluzione nel bicchiere.

“Ogni cosa qui dentro aspetta un segnale, puoi leggerlo nelle linee della mano, o nei tuoi volti passati appesi intorno. Sono gli adesivi sulle pareti. È il tempo che scorre lungo i bordi” – Emidio Clementi